Home La Storia Consiglio Web TV Contatti
Home
La Storia
Consiglio
Web TV
Contatti
RITI RELIGIOSI
 





 


L' UFFICIO DELLE TENEBRE

 

 

Questo brano liturgico apparteneva un tempo ai Mattutina Tenebrarum, a quel tessuto di riti e di preghiere che riempiva di poesia e di passione la Settimana Santa.


Dopo ogni cantico o salmo si spegne successivamente una candela, lasciando accesa alla fine soltanto quella centrale posta alla sommità del candeliere (sul vertice).

Alla fine della funzione si eseguono il Miserere (una volta cantato ed una volta recitato) ed il Benedictus (Canto di Zaccaria) cantato.


 

Successivamente tutti i confratelli si riuniscono davanti all'Altare di Reposizione comunemente chiamato Sepolcro dove si intona l'antifona del Miserere, e successivamente il canto del Christus:

 

Christus factus est pro nobis obediens*

usque ad mortem, mortem autem crucis.

 

proseguendo con la lettura dell'orazione:

Propter quod et Deus exaltavit illum

et dedit illi nomen,

quod est super omne nomen.

Respice, quaesumus Domine, super hanc familiam tuam, pro qua Dominus noster Iesus Christus non dubitavit manibus tradi nocentium et Crucis subire tormentum.




 

finita l'orazione i confratelli battendo i piedi , "Lo Scoppo", creano quel rumore che ricorda il terremoto nel momento in cui Cristo spirò sulla croce.





Confraternita dei Carmelitani Scalzi - Via Croci, 4/A - 71018 Vico del Gargano (FG) - www.carmelitani.org - info@carmelitani.org
Site Map